Sostieni la campagna crowdfunding #AmolamiaTerra in collaborazione con WWF litorale laziale per progetti di prevenzione incendi. Dona anche tu!

La Stramma omaggio al poeta Enrico Mallozzi

La Stramma (termine dialettale che indica una pianta spontanea mediterranea fortemente presente nella Terra Aurunca - Amplelodesmos Mauritanicus) è un elemento che da secoli fa parte della cultura aurunca. La tradizione dell'intreccio tipico, per realizzare cesti ed altri oggetti di uso comune, si tramanda da generazioni. 

La Stramma Ampelodesmos mauritanicus tipico della Terra Aurunca Lisa Tibaldi Terra Mia Blog News

Viscerale, si potrebbe quasi definire, l'amore che le popolazioni locali hanno per la custodia della memoria di questa antica lavorazione, in particolare nel basso Lazio, nell'area di Santi Cosma e Damiano, dove, nella frazione di Ventosa, per molto tempo quest'attività artigianale è stata la principale fonte di reddito. 

Ed è di Santi Cosma e Damiano, classe 1927, lo scomparso poeta Enrico Antonio Mallozzi che ha scelto di elaborare in versi dialettali tutte le memorie delle tradizioni e della matrice culturale del popolo di questa Terra.  Tra le poesie della sua antologia "Glio tialetto nuosto è poesia!" -Elsa di Mambro Editore, La Stramma è quella che più narra con amore ed un sottile orgoglio, delle abilità delle persone che la lavoravano.

Lisa Tibaldi Terra Mia Blog news La stramma la lavorazione intreccio Jettola fatto a mano moda ecosostenibile sustainable fashion

 Gli Jettolari (persone che intrecciano la stramma  in lunghe Jettole - trecce a metraggio a 3, 5 ,7 o 9 fili) sono particolarmente abili a lavorare quest'erba senza farsi male, vista la sua natura tagliente. Le Jettole lavorate, una volta, si srotolavano nei vicoli dove le donne, intrecciando, trascorrevano il tempo.

Lisa Tibaldi Terra Mia blog news Santi Cosma e Damiano, località Ventosa, donne che intrecciano la Stramma in lunghe jettole

Queste lunghe trecce - Jettole - venivano poi cucite per dar forma a cesti, cestini, borse, sporte per asini. Ci si impagliavano anche i fiaschi. 
Cesto e fiasco lavorati con la stramma ed alcuni versi dell'omonima poesia di Enrico Mallozzi pubblicata sul blog news di Lisa Tibaldi Terra Mia moda ecosostenibile artigianato italiano

Il poeta conclude poi i suoi versi  esaltando la capacità della popolazione locale, di realizzare qualsiasi cosa con questo materiale, arrivando a dire che finanche un vestito a Maria Vergine si sarebbe potuto fare!

Un vestito povero, ma prezioso!

Abito scultura realizzato in stramma dalla stilista Lisa Tibaldi Grassi in collaborazione con l'Ente Parco dei Monti Aurunci ed allo stesso ente donato

Ebbene, senza scomodare la Madre di Dio, un abito povero e prezioso fu realizzato  con questo materiale. La stilista Lisa Tibaldi Grassi, che vive e lavora a Santi Cosma e Damiamo, Terra d'origine della sua famiglia, in effetti realizzò nel 2015, in collaborazione con gli artigiani del Parco Regionale dei Monti Aurunci, un Abito Scultura in Stramma, omaggio alla pianta, che la designer donò allo stesso Ente. L'abito fu anche il protagonista, unitamente ad altre creazioni della stilista sud pontina, di una mostra emozionale itinerante dal titolo Trama Aurunca... Emozioni e Creatività di un Territorio che fu ospitata anche nella prestigiosa cornice del Museo delle Civiltà - Arti e Tradizioni Popolari di Roma.

Lisa Tibaldi Terra Mia Bijoux Collection 100%Made in Italy handmade sustainable Fashion Moda Ecosostenibile

Con la Stramma oggi la Designer, realizza l'originale Collezione Bijoux del Brand Lisa Tibaldi Terra Mia, dove tradizione e innovazione si fondono in un'armonia, testimone d'Amore.

#AmolamiaTerra

 

Lisa Tibaldi Terra Mia Blog News La Stramma testo della poesia dialettale del poeta Enrico Mallozzi della Terra Aurunca

 

Lascia un commento